Proup.team | Selvaggio Blu
proup, team, guidealpine, varese, selvaggioblu, stage, trekking, proupteam, mountainexperience, fotografo, selvaggiobluvarese
11964
page,page-id-11964,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-3.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Selvaggio Blu

selvaggio blu

LUOGO:

Pedra Longa – Sardegna

DATA:

8 9 10 11 12 13 14 maggio 2017

QUOTA:

700 euro a persona*

organizzazione, accompagnamento da parte di Guida Alpina, assicurazione R.C. materiale comune

1 notte in mezza pensione, tutta la logistica con i pasti, gommoni di supporto, spostamenti in auto, fotografo.

*Leggi nelle note

INFO:

Marco

info@proup.team

+39 338 7445330

Considerato uno dei più affascinanti e meravigliosi trekking d’Italia.

Il Selvaggio Blu si sviluppa per oltre 50 km lungo l’inaccessibile costa est della Sardegna nel golfo di Orosei.

L’esperienza si articola su 6 tappe all’insegna dell’avventura!

Il Team che vi seguirà durante l’avventura sarà composto oltre che dalle Guide Alpine anche dal fotografo, per immortalare al meglio l’esperienza con foto spettacolari!

Il tutto compreso nel prezzo.

1°tappa Pedra Longa – Ciule Ginirricu

Itinerario senza difficoltà alpinistiche che conduce sull’altopiano del Golgo. E’ una tappa d’ambientamento, facile ma che subito fa pregustare le bellezze del selvaggio blu. 700 mt dislivello, km 4, h 3.

2° tappa Cuile Ginirricu – Cala Goloritzè

Altra tappa senza difficoltà alpinistiche ma con le solite difficoltà di orientamento che caratterizzano l’intero trekking. Tappa Mari-Monti che conduce al punto più panoramico di tutto il selvaggio: P.ta Salinas prima di scendere brevemente al mare. Patrimonio dell’Unesco, Goloritzè è una nicchia di sabbia nascosta tra le scogliere. La guglia famosa che ne fa da custode è meta dei climber di tutta Europa. Km 5, dislivello -700 mt, 4 ore. 3

3° tappa Cala Goloritzè – Cala Mariolu

Prime difficoltà tecniche con pochi passaggi di arrampicata di 3° grado e brevi passaggi su sentiero attrezzato e “Scala Fustes”. Il percorso entra nel “cuore selvaggio” del trekking uscendo dal percorso originale per toccare una delle spiagge più belle del Mediterraneo. Km 8, Ore 4, dislivello 590 mt

4 tappa Cala Mariolu – Grotta del Fico

Difficoltà tecniche con passaggi arrampicata di 2° e 3° grado e 4 doppie da 15 mt. Arrivo mozzafiato con calata diretta sulla Grotta del Fico dove si fa tappa. Anch’essa non fa parte dell’itinerario originale ma è di una bellezza tale che non si può assolutamente snobbare. km, 500 mt dislivello, 6 ore

5 tappa Grotta d. Fico- Cala Biriala

Senza dubbio la tappa più bella del Selvaggio Blu. Il passaggio sulla scogliera, la grotto delle capre che si attraversa, la ferrata che porta a Biriala, spiaggia dalla bellezza indescrivibile suscitano una sequenza di emozioni profonde. 5km, 5 ore, 600 mt dislivello.

6 tappa Cala Biriala – Cala Sisine

Cavalcata finale fino a Cala Sisine, tappa tecnica con passaggi di arrampicata di 3° grado e 4 calate in corda doppia anche di 35 mt. Una passarella sul selvaggio che poche ore dopo avverò in gommone a ritroso. 4 ore di cammino per 6 km e 300mt di dislivello

Zaino 25 lt + sacco a pelo medio + materassino, tenda, Imbracatura e 2 moschettoni a ghiera, lampada frontale, scodella/bicchiere/piatto/posate in plastica da campeggio, borraccia termica o thermos, scarpe da trekking e sandali, occhiali e crema da sole, mantellina o poncio antipioggia, repellente per insetti asciugamano e occorrente per toilette, e abbigliamento adatto per un trekking di 6 giorni.

Attrezzatura tecnica e tenda possibilità di noleggio

La quota non comprende volo aereo andata e ritorno su olbia, extra e tutto quello che non è compreso nella voce “quota”.

Le proposte riportate, sono indicative di un programma di massima.

Possono subire variazioni in funzione delle condizioni meteo, del numero di partecipanti o di altre variabili.