Proup.team | tre giorni alpinismo presanella
Tre giorni all'insegna dell'alpinismo per i ragazzi del centro JRC di Ispra, base di partenza il rifugio Denza nella zona della Presanella. Ottima location per questo tipo di attività, qui sotto un breve racconto di Enrico delle giornate Primo giorno saliti al rifugio , fatto prova di salita su pendio di neve (marcia) con ramponi e picozza, visto ancoraggio su neve con picozza, autoarresto in caso di scivolata, soste, vari nodi di giunzione dei cordini, asola e contro asola.. Secondo giorno partiti alle 8 dal rifugio, saliti alla base del ghiacciao. Metodi di legatura su ghiacciao con nodo a 8, nodo bulino con asola distanziatrice, machard ed asolina di sicurezza per capocordata, corda nello zaino e corda a spalla. 3 cordate (5-4-4) saliti fino al passo Cercen (3020m), visto chiodi da ghiaccio, ..rientro in rifugio Terzo Giorno, ore 7 già operativi alla piccola falesia situata a 5 min dal Rifugio, fatto prove di arrampicata con scarponi e con ramponi, in seguito autosoccorso in crepaccio con l’ausilio di carucolina autobloccante, poi purtroppo alle ore 9 ha iniziato a piovere e ci siamo ritirati ancora nella chiesetta e lì abbiamo visto la corda doppia..smesso di piovere sempre in mattinata siamo riusciti a vedere la risalita della corda sulla scala antincendio del Rifugio e quasi tutti hanno provato la risalita.. Enrico Alè duri!
proup, team, guidealpine, varese, alpinismo, stage, piccozze, proupteam, alpinismovarese, fotografo, moutainexperience, presanella
13070
post-template-default,single,single-post,postid-13070,single-format-gallery,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-3.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Blog

Tre giorni alpinismo Presanella

  |   Alpinismo

Tre giorni all'insegna dell'alpinismo per i ragazzi del centro JRC di Ispra, base di partenza il rifugio Denza nella zona della Presanella. Ottima location per questo tipo di attività, qui sotto un breve racconto di Enrico delle giornate

Primo giorno saliti al rifugio , fatto prova di salita su pendio di neve (marcia) con ramponi e picozza, visto ancoraggio su neve con picozza, autoarresto in caso di scivolata, soste, vari nodi di giunzione dei cordini, asola e contro asola..

Secondo giorno partiti alle 8 dal rifugio, saliti alla base del ghiacciao. Metodi di legatura su ghiacciao con nodo a 8, nodo bulino con asola distanziatrice, machard ed asolina di sicurezza per capocordata, corda nello zaino e corda a spalla. 3 cordate (5-4-4) saliti fino al passo Cercen (3020m), visto chiodi da ghiaccio, ..rientro in rifugio

Terzo Giorno, ore 7 già operativi alla piccola falesia situata a 5 min dal Rifugio, fatto prove di arrampicata con scarponi e con ramponi, in seguito autosoccorso in crepaccio con l’ausilio di carucolina autobloccante, poi purtroppo alle ore 9 ha iniziato a piovere e ci siamo ritirati ancora nella chiesetta e lì abbiamo visto la corda doppia..smesso di piovere sempre in mattinata siamo riusciti a vedere la risalita della corda sulla scala antincendio del Rifugio e quasi tutti hanno provato la risalita..

Enrico

Alè duri!